Due giornate con Freddie Ljungberg

 

freddie1

Il 23 e 24 aprile 2014 abbiamo avuto il piacere  di trascorrere due fantastiche giornate in compagnia di Freddie Ljungberg, leggendario campione dell’Arsenal che ha vestito la maglia dei Gunners dal 1998 al 2007 totalizzando 216 presenze e 46 gol.

In compagnia del Diretttore Commerciale Arsenal FC Sarah Townend, cui và il nostro ringraziamento per aver reso possibile questo evento Freddie ha presentato il Progetto Arsenal Soccer Schools, già operativo in Italia dal 2006,  partecipando prima ad un clinic tecnico presso il Centro di Formazione Arsenal S.S. HILL23 ed il giorno successivo alla conferenza stampa che ha avuto modo di coinvolgere personaggi del calibro di Carlo Paris, Guido D’Ubaldo e Fabio Petruzzi.

“Umiltà, rispetto e lavoro di squadra” afferma il campione svedese “sono stati questi i valori guida che hanno accompagnato la mia carriera in giro per il mondo e che oggi cerco di trasmettere in veste di Ambasciatore Internazionale Arsenal Soccer Schools. Claudio e Giulio incarnano alla perfezione ila filosofia dei Gunners che pone al centro dell’attenzione la formazione tecnica e didattica dell’atleta, prima ancora di qualsiasi altra cosa”.

Giulio Longo ha precisato: “prima che arrivasse, ero davvero curioso di conoscere Ljungberg, oggi dopo due giorni trascorsi insieme, posso dire di aver avuto la fortuna di conoscere Freddie, un ragazzo fantastico, sempre disponibile. L’Arsenal ha azzeccato l’ennesimo colpo nello scegliere lui e Pires come Ambasciatori di un progetto che da otto anni è presente in Italia e continua a crescere perchè ha dei valori, dei contenuti formativi concreti e non butta fumo negli occhi della gente”.

 

In conclusione, Claudio Casella: “per noi è stato un onore ospitare nella prima volta in Europa Freddie, che finora aveva presenziato le Soccer Schools di Oman, Dubai e Thailandia. Lo consideriamo un risultato prestigioso ed un riconoscimento al lavoro svolto in questi anni da parte dell’intero staff nazionale di Arsenal Soccer Schools”.